Federfarma Messina

20/10/2017

D.P.C. Distribuzione Per Conto - Rinnovo Accordo

Sicilia, Rinnovato l’accordo per la DPC

   Dopo la firma dei rappresentanti dell'Assessorato Regionale della Salute e della Federfarma Sicilia dal 20 ottobre ha inizio la decorrenza dell’accordo che rinnova per altri tre anni la dpc siciliana.

Si evidenzia che nel nuovo accordo per la DPC risultano apportate modifiche anche per quanto riguarda l’aggio dovuto dall’ASP a fronte del servizio di distribuzione effettuato da Grossisti e Farmacisti.
 
In particolare, per quanto riguarda le farmacie la remunerazione base salirà a € 4,30+iva per pezzo distribuito.
 
Detto importo incrementato sempre di euro 2,30, pari a € 6,60+iva per pezzo, verrà risconosciuto alle farmacie rurali sussidiate con fatturato annuo inferiore a € 385mila.
 
Con il nuovo accordo, l'aggio di € 6,60+iva per pezzo verrà finalmente riconosciuto anche alle piccole farmacie con fatturato annuale inferiore a € 258mila, allineando così il sistema DPC a quanto previsto per il SSN.
 
A tale riguardo, si segnala che ove fosse necessario modificare sulla WebDPC l'inquadramento della propria farmacia, per la corretta applicazione dell'aggio in fattura, gli interessati dovranno inviare a questa Associazione apposita comunicazione di variazione perché si possa procedere all'aggiornamento della scheda.
 
Si precisa che i nuovi oneri verranno riconosciuti alle farmacie per ciascun pezzo distribuito ai sensi dell’Accordo esclusivamente a seguito dell’attivazione dei PT web-based previsti per i farmaci A PHT appartenenti alle seguenti categorie: 
epoetine
GCFS (fattori di crescita granulocitari)

farmaci soggetti a nota AIFA 74
La consegna del prodotto informatico da parte di Studiofarma avverrà tra circa un mese, tempo necessario per l'elaborazione e l'istruzione dei soggetti coinvolti; solo dopo potrà essere aggiornato l’aggio applicato sulla fattura.
 
Si comunica inoltre che Studiofarma in collaborazione con l’Assessorato, sempre per incarico ricevuto dalla Federfarma Sicilia, dovrà provvedere all’attivazione di tutti gli altri Piani Terapeutici per i quali non esistono modelli web-based  ma che verranno attivati solo successivamente ai 3 PT su indicati. 
 
 Infine, novità anche circa gli addebiti.
L'accordo prevede che per quanto concerne le prescrizioni che risulteranno inappropriate e/o difformi rispetto alle direttive nazionali e regionali non dovranno essere spedite, pena l'addebito per l'intero costo d'acquisto dei medicinali consegnati, ovvero, nel caso di errata erogazione di farmaci a maggior costo/terapia rispetto al farmaco prescritto verrà addebitato l'importo pari all'incremento di spesa sostenuta dal SSN, nonché degli oneri fatturati dal Distributore e dalla Farmacia per la relativa distribuzione.
 
Pertanto, il preposto Tavolo Tecnico provvederà anche in tal senso all'aggiornamento della nota prot. n.63072 del 07/08/2014 che riassume le inappropriatezze e i relativi adempimenti (sanzioni).

Novità rilevante del nuovo accordo è il "Procuro" che avrà decorrenza dal 1° novembre 2017:
  • Con la nuova modalità distributiva del Procuro la ricerca primaria delle specialità da ordinare avverrà di base nei tre o più depositi scelti dalla farmacia ma, se il farmaco risulterà essere parzialmente disponibile o mancante, la WebDPC andrà automaticamente a verificare anche gli altri depositi che forniscono nella provincia,quindi, anche quelli non scelti dalla farmacia e, nel caso di disponibilità presso di questi, il farmaco verrà consegnato entro 24 ore lavorative sempre e comunque dal primo distributore prescelto dalla farmacia, come qui di seguito schematizzato:



 

  • I distributori nella DPC operano per conto dell'ASP, quindi, secondo l'accordo, sono tenuti tutti indistintamente a consegnare la merce ordinata dalla farmacia entro 24 ore lavorative, ove ciò non avvenga va prontamente inviata segnalazione a questa Associazione e all'ASP per le opportune verifiche.
  • 3  è il numero minimo dei distributori che la farmacia può selezionare sull'apposito pannello della WebDPC ma è anche possibile indicarli tutti, ciò anche se la farmacia al di fuori della DPC non usi rifornirsi tramite questi altri distributori.
  • La farmacia esclusivamente in caso di invio errato, richiesta errata, mancato ritiro da parte del paziente è tenuta ad effettuare il reso entro 7 giorni lavorativi dalla consegna delle specialità in farmacia, tramite l'apposita procedura, indicando la motivazione del reso e provvedendo a firmare la dichiarazione attestante lo stato di buona conservazione presente sul modello.
 
Altre indicazioni già in uso ma che necessita rammentare sono:
  • I farmaci DPC vengono acquistati dall’ASP, quindi, non sono di proprietà della farmacia. Ne consegue che anche i DDT di consegna o i documenti di reso vanno numerati separatamente dalla gestione della farmacia.
  • Nel caso in cui il farmaco ordinato risulti parzialmente disponibile o del tutto assente la farmacia potrà erogare confezioni normalmente presenti nel circuito distributivo, apponendo come sempre sulla ricetta la dizione “prodotto mancante” e allegando la stampa attestante la carenza in tutti i depositi rimesso dalla WebDPC.      Come in passato le ricette con la dicitura “prodotto mancante” dovranno essere consegnate/evidenziate all'ASP inserendole nell’ultima mazzetta del SSN. 
  • Per i farmaci della DPC consegnati in convenzionata (per mancanza nella DPC oppure per insostituibilità di cui al punto precedente) andranno riscosse, oltre le quote fisse, anche le differenze tra prezzo al pubblico e di rimborso AIFA.
  • L’unica clausola di insostituibilità ammessa nella DPC è quella in cui il medico attesti sulla ricetta che il farmaco prescritto è insostituibile e che ha già trasmesso all’ASP la scheda ADR di segnalazione di sospetta reazione avversa completa del numero di trasmissione assegnato
Esempio: "Non sostituibile - Effettuato invio ADR - Codice registrazione XXXXX".
 L'erogazione della ricetta in questo caso si svolge direttamente in regime di farmaceutica convenzionata (senza passare dalla WebDPC) ma, solo in questo caso, la farmacia dovrà applicare sulla distinta contabile, in aggiunta agli altri sconti di legge, un ulteriore extrasconto secondo la seguente tabella:       
Prezzo farmaco Maggiorazione
dello sconto
Fino a euro 25,82 5%
Da euro  25,83 a euro   51,65 4%
Da euro  51,66 a euro 103,28 6%
Da euro 103,29 a euro 154,94 5%
Oltre euro 154,94 1,50%
 
  • Per i farmaci della DPC consegnati in convenzionata (per mancanza nella DPC oppure per insostituibilità di cui al punto precedente) andranno riscosse, oltre le quote fisse, anche le differenze tra prezzo al pubblico e di rimborso AIFA.

Passaggio Anticoagulanti (NAO) e Ormone Somatotropo dal 1° dicembre 2017:

   Anche a seguito degli ottimi risultati acquisiti nel primo triennio, con congrui risparmi per la parte pubblica, l’accordo affiderà alle farmacie anche la distribuzione delle specialità c.d. NAO (anticoagulanti quali Eliquis - Lixiana - Pradaxa - Xarelto).
   Mentre, vista la particolarità, i medicinali a base di ormone somatotropo verranno erogati esclusivamente in forma Diretta dalle Farmacie Territoriali dell'ASP.
   In proposito si comunica che Federfarma Sicilia attende disposizioni dall’Assessorato sia per la gestione della prima fase dell’erogazione dei medicinali a base di ormone somatotropo nonchè dei farmaci NAO le stesse saranno immediatamente portate a conoscenza


Scarica allegato

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni